Xylella: il Salento dice NO all’abbattimento !

11084263_1057917704225424_1755718557169080939_nLecce, 29 marzo 2015.

Migliaia di persone hanno riempito la piazza di S.Oronzo a Lecce per dire NO all’abbattimento degli ulivi colpiti dal batterio della xylella.

All’appuntamento (indetto sul web al suon di #difendiamogliulivi) hanno risposto decine e decine di associazioni provenienti da tutto il sud Italia.

Il colpo d’occhio è impressionante.

Una piazza senza bandiere di partito, colorata dalle foglie di ulivo, simbolo della protesta pacifica, si è confrontata sulle soluzioni da mettere in campo, nel breve e lungo periodo, per evitare che migliaia di ulivi vengano abbattuti.

Esperti agronomi,agricoltori,medici,imprenditori e tanta gente comune si è data appuntamento nella capitale barocca, oggi baciata dal primo sole primaverile dell’anno. Accomunati dall’esigenza di capire cosa sta succedendo, del perché si è arrivati ad una soluzione così drastica. C’è voglia di partecipare al processo decisionale, di intervenire velocemente per evitare che il focolaio del batterio killer si estenda verso altre zone del tavoliere pugliese.

Una cosa è certa: i salentini non ci stanno e combatteranno affinché nessuno privi la loro terra degli ulivi che da secoli identificano l’identità di un popolo e di un intero territorio !

IMG_4358-0


 

Annunci

#difendiamogliulivi l’hashtag della protesta contro la Xylella

#Difendiamogliulivi l’hashtag lanciato pochi giorni fa in rete dal sito di informazione www.lostrillonenews.it e cavalcato fin dalle prime ore da Nandu Popu, cantante dello storico gruppo salentino Sud Sound System. Un monito per sensibilizzare la popolazione sulla piaga della Xylella, il batterio che sta mettendo a repentaglio i 60 milioni di ulivi presenti in Puglia.

Schermata 2015-03-27 alle 15.30.47
Nandu Popu leader dei Sud Sound System

Poche settimane fa la Commissione Europea ha ordinato, drasticamente, l’abbattimento degli alberi “ritenuti infetti“. Decisione unilaterale che ha scatenato forti reazioni da parte del mondo agricolo pugliese.

Esperti del settore ambientale ed agricolo,associazioni, cittadini si stanno mobilitando per vederci chiaro e fare il punto della situazione sulla vicenda.

Il web è lo strumento usato per veicolare informazioni e coordinare la attività della protesta.Non manca il supporto di tante le celebrità e personaggi del mondo dello spettacolo.

Da Emma a Marco Materazzi, da Claudia Gerini a Samuele Bersani, uniti in rete sotto l’hashtag #difendiamogliulivi. 

Schermata 2015-03-27 alle 15.33.01
Emma Marrone

I loro celebri volti per rafforzare la voce della protesta ed invitare quante più persone alla manifestazione di domenica 29 marzo alle ore 15.00 in Piazza S.Oronzo, a Lecce.

La capitale barocca ospiterà la manifestazione “Tutti in Piazza per difendere gli ulivi del Salento”  (Evento FB https://www.facebook.com/events/951381421561876/ ) promossa Csv Salento Lecce, Ass. Spazi Popolari, ForumAmbiente Salute, PeaceLink, LILT Lecce , Casa delle Agricolture Tullia e Gino.

15553_863209190384021_3768146024307853432_n
Claudia Gerini

Tante le associazioni che hanno confermato la loro partecipazione.
Arci Lecce, WWF Lecce, Koreja, Agricoltura è Salute, S.O.S. Salviamo ora il Salento, Movimento per gli Ulivi Oria, Parco Ulivi Monumentali Ostuni, Laici Comboniani Lecce, Pachamama Aps, Critical Food 2.0, Associazione LiberAzione, Associazione Gariga, Associazione MimoMU’, Associazione ManiComuni, Banca Dei Semi Salentina, Comitato No Trivelle Capo di Leuca, Associazione Ecofacto, Comitato No Tap, Forum Comitati Civici Difesa Torre Guaceto e Serranova, Comitato Nazionale per la Salvaguardia di Torre Guaceto, Brindisi Bene Comune, Ass. Tregiriditè, Ass. Zig, Ass.Wavetrotter, SOS Costa Salento, Terrarossa Cooperativa Sociale, Ass. Salento Verticale, Movimento Taranto Respira, Unione Mediterranea Puglia, Movimento Liberiamo la Basilicata, Federazione dei Verdi Puglia, No al carbone di Brindisi, Comitato permanente per la tutela del territorio Galatone, Movimento Mo Basta, Ass. Nov@alba, AIAB Taranto, Legambiente Taranto, Apicoltura Salentina, Comitato La Radice Neviano, Comitato 275, L’Altra Puglia, Custodi del Salento, Custodi della Quercia Vallonea, Cosa Pubblica, L’impronta-Terra d’Arneo, Abbiamo il Sud, Casa dei Popoli, Mujmune, Pro Loco Squinzano, Amici ulivo secolare, Comune Unico Terenzano.

Intanto giungono buone notizie dal fronte giudiziario. È notizia di giornata che il TAR di Lecce ha accetto il ricorso presentato da un gruppo di  avvocati di Oria  per sospendere l’eradicazione degli ulivi.

Schermata 2015-03-27 alle 16.11.17

#Expo2015: 30 giorni al via ed ancora si parla di CANTIERE ?

30 giorni ad  Expo2015, l’esposizione universale nata nel 1851, che si terrà a Milano dal 1 Maggio al 31 Ottobre. “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” la mission (?) affidata a Milano. Cibo e sostenibilità la sfida dei prossimi 100 anni . Logo-EXPO-2015

Ogni Paese, partendo dalla propria cultura e dalle proprie tradizioni, è chiamato a interrogarsi rispetto alle grandi sfide legate alle prospettive dell’alimentazione.

  • Sara capace l’umanità di trarre energia dalla terra con tecnologie a basso impatto ambientale?
  • Saremo in grado di salvaguardare il nostro pianeta per le generazioni future?
  • Riusciremo ad essere meno egoisti e garantire a tutte le popolazioni cibo sano e territori fertili?

Immaginate Expo come la più grande passerella del mondo. La vetrina mondiale dell’umanità dove ogni nazione mette in mostra eccellenze e/o tecnologie in grado di fornire sviluppo, sostenibilità ed un futuro al nostro pianeta.

Più che un tema di esposizione universale appare una sfida planetaria intergenerazionale.

Di questo si dovrà discutere nei 6 mesi di expo Milano, sperando che ci sia effettivamente l’opportunità di farlo. I dati di #openExpo http://dati.openexpo2015.it non sono certamente incoraggianti.

Siamo palesemente in ritardo su tutto ed il rischio di una figuraccia planetaria è altissimo. L’unica cosa certa, a 30 giorni dal via, è che in Italia non si può far a meno di appalti e mazzette. Noi italiani siamo i campioni nel mestiere ed orgogliosamente non abbiamo tradito le aspettative del mondo intero.

609.707.548€ di appalti: unica certezza è un CANTIERE aperto, nel quale si lavora h24. Senza sosta perché ogni ritardo abbasserà sempre più l’asticella della credibilità internazionale del nostro Paese.

Complessivamente solo il 9% dei lavori è stato ultimato.

Solo 2 delle 24 strutture risultano completate. 

Dati alla mano lasciamo a voi ogni tipo di considerazione.

Pensavate davvero che #ExpoMilano avrebbe cambiato il mondo ? 

Expo2015: Disney presenta mascotte, volto con 11 alimenti

‪#‎Xylella‬ la latitanza della politica pugliese !

  

Succede in Salento. 

La Commissione Europea ha deciso drasticamente di abbattere tutti gli ulivi colpiti dal batterio killer denominato ‪#‎Xylella‬. Il tutto senza una visita ufficiale da parte della UE che ha spiazzato tutti con questa drastica decisone.  

Una soluzione non del tutto piacevole se si considera che solo nella regione Puglia siano presenti 60 milioni di alberi di ulivo (vale la pena chiarire che l’imposizione delle UE riguarda solo gli alberi infetti). 

Intanto il Salento si mobilita indicendo una pubblica manifestazione per il giorno 29 marzo.  L’appuntamento è in Piazza San Oronzo alle ore 10.00 (Evento FB https://www.facebook.com/events/951381421561876/ ) !

La data coincide con la festività cristiana delle Palme e rappresenterà un momento d’incontro affinché i 10 milioni di ulivi siano tutelati e salvaguardati.  

Le perplessità ed i dubbi aumentano giorno dopo giorno, come la latitanza della classe politica pugliese.

Al giorno d’oggi ancora nessun politico che siede nelle poltrone europee si è espresso e/o pronunciato sul l’imposizione della UE, nonostante la Puglia sia ben rappresentata a Bruxelles.

Concludiamo con una serie di domande che in questi giorni attanagliano la mente di ogni agricoltore salentino: siamo convinti che l’abbattimento sia l’unica soluzione ? La più efficace ? 

Ai posteri l’ardua sentenza.

Amministrative 2015: rinviata la data del 31 maggio !

Elezioni-2013

È notizia odierna quella dello spostamento della data delle elezioni amministrative e regionali del 2015 che interesserà 7 regioni e 515 comuni d’Italia.

Con una nota il Consiglio dei Ministri informa che la data del 31 maggio (inizialmente fissata per il 10 maggio) è stata posticipata al 7 giugno 2015.

L’intento è quello di scacciare lo spettro di una bassa affluenza alle urne che potrebbe rimarcare sempre più la distanza tra i politici ed i cittadini.

Si pensa infatti che la data del 31 maggio sia troppo vicina al ponte del 2 giugno e potrebbe favorire una scarsa partecipazione al voto.

A questo punto c’è da chiedersi se il vero problema siano le celebrazioni del 2 giugno e/o la scarsa credibilità che i cittadini hanno nei confronti delle istituzioni politiche ?

Non dimentichiamo che la tornata elettorale del 2014 ha fatto registrare picchi negativi di affluenza al voto.

I dati che emergono delle election day del 2014 devono far riflettere:

  • Europee 2014 = Affluenza 58,69% rispetto al 66,47% del 2009
  • Regionali 2014 = Emilia Romagna 37,71% rispetto al 68,07% del 2010

La domanda sorge spontanea: sceglierete l’urna elettorale o una bella giornata al mare ?